28 marzo 2014

Bologna Children's book fair 2014



Questa foto non è originale

Questa sì
Il grafico di questa foto è il cellulare di Serena, a me,
non me l'hanno lasciato fare
Sì, lo ammettiamo, il vero motivo per cui andiamo a Bologna è questo. Dopo viene la giuoia e il tripudio dell'evento per gli illustratori.

Serena: specifichiamo che nessuna di queste pietanze è reperibile presso la Fiera di Bologna, ove, al contrario, è possibile trovare una grande quantità di cibi disgustosi. 

Ma non siamo noi che siamo depravate, anche gli altri partecipanti alla Fiera, specialmente editori e agenti, si dilettano in aperitivi e lauti buffet. Abbiamo le tesitmonianze: 


gente che mangia
Serena: Anche la mia editor ha confessato di venire solo per il prosecco!

E va bene, e va bene, parlerò di cose attinenti alla Fiera. Cominciamo con:


La Mostra




ndr: questa striscia è stata fatta l'anno scorso…e quest'anno si è verificata davvero!!! L'incredibile potere di predizione del fumetto.

Comunque, la mostra di Ugo Fontana era meravigliosa, così come quella di Satoe Tone. 










   
La mostra degli illustratori, invece…ne vogliamo parlare? Parliamone dai, per essere democratici. Come sempre c'erano delle cose belle. Poi c'erano delle cose interessanti. Poi c'erano delle cose meno belle e meno interessanti. Poi c'erano dei tipi. Poi c'erano delle cose…e basta. Ecco, queste "cose" possono essere apprezzate solo da un occhio particolare…come il nostro. 

Il primo dettaglio che vi propongo l'avevo già eletto tramite Twitter (ebbene sì, anch'io sotto minaccia ho dovuto aderire. D'altronde non potevo rimanere indietro rispetto alla politica italiana) vincitore assoluto della mostra:


  
 Il secondo dettaglio, invece, è stato protagonista di una vicenda sventurata. Che riassumerò coi toni di una pubblicità progresso:

Il piccolo Piergiorgio ama i libri illustrati. Conoscere un vero illustratore è il suo sogno nella vita. Un giorno, a una fiera, la mamma del piccolo Piergiorgio gli presenta un giovane ragazzo dicendogli: "Piccolo Piergiorgio, questo è un VERO illustratore! Non essere timido! Chiedigli un disegno!" 
Gli occhi del piccolo Piergiorgio si riempiono della luce della speranza e tremando un poco il piccolo bambino si avvicina al giovane illustratore. 
"Piccolo bambino" dice il vero illustratore "cosa vorresti che ti disegnassi?"
Il piccolo Piergiorgio alza gli occhioni specchio dell'anima e risponde "U-u-una machinaah…"




RICORDA. OGNI VOLTA CHE FAI UN DISEGNO COSì, UN BAMBINO MUORE. NON SPORCARTI LE MANI. SALVALO.

Questa è solo per solo per farvi tornare un po' di allegria.
Serena si rammarica per non essere riuscita a fotografare Peppa Pig. 


Le Case Editrici

L'anno scorso non ne avevamo parlato, ma l'anno accademico 2013- 2014 deve essere stato duro per il mercato perché ci sembra che qualcosa sia cambiato. Nello specifico abbiamo rilevato una certa confusione di intenzioni. Ovviamente il Vero Illustratore (l'anno scorso era Sfigato, ma pian piano sta facendo carriera) deve tenere conto di tutti i trend e gli andamenti del mercato, quindi approfondirò con testimonianze fotografiche questo scottante argomento. 


Non riesco neanche a spiegare quanto sia sbagliata questa immagine. Dirò solo: NO.


Questa, invece, è la mia casa editrice preferita. Penso sia slovena. La cosa che mi piace di più è come giocano con le infinite possibilità di innovazione delle copertine.



Un'altra cosa che mi è piaciuta molto sempre di questa casa editrice, è la selezione dei titoli proposti. C'è un'attenzione al target di riferimento, cioè i bambini, che oggigiorno si trova raramente. Per il prossimo compleanno del piccolo Piergiorgio, per esempio, potreste donargli un simpatico manuale su come fare gli origami insieme a un altro, di approccio più storico, sulla nascita e l'impiego delle bombe o se preferite di fucili semiautomatici. 






Oltre a questo le moderne case editrici devono fronteggiare uno dei pericoli più denunciati dalla verde Lega: i ladri. (Per non parlare delle barriere linguistiche che con questi stranieri è sempre un problema!)





Che dire…


se lo dicono loro…



Special Prize "Da Wall"

Era il momento che tutti aspettavate, la classifica degli accrocchi da muro più belli del 2014. La giuria ha manifestato forti perplessità quest'anno per gli elaborati prodotti. Sarà la crisi, saranno i continui cambi di governo, sarà la confusione che regna nel mondo dell'editoria, ma non abbiamo riscontrato il consueto impegno. 
Diamo il via quindi all'annuncio dei lofissimi vincitori:

  • 5° classificato: The illusionist



  • 4° classificato: Full Metal Circus


  • 3° classificato: The architect


  • 2° classificato: L'elettricista


  • 1° classificato: Il materialista megalomane (che ha privato la propria famiglia della compagnia di Barbara D'Urso per 4 giorni)

Volevamo staccarlo, ma per non appesantirci ulteriormente dopo la raccolta dei cataloghi e per non svilire lo sforzo fatto da questo padre di famiglia, abbiamo deciso di lasciarlo lì.
  • Premio menzione speciale Poveracci: Sei una busta




  • Premio menzione speciale Animo Trash: Il porco muccato (o forse è un cane)





Conclusioni

Oltre alla mostra di Ugo Fontana, le cose che ci sono rimaste più impresse sono:


le casette portacartaigienica. Serena (e anche un po' Jack) mi hanno impedito di comprarle per la mia casa nuova. Ma io le voglio. Prima o poi le avrò.

Serena: A me sono rimaste impresse le borse kitsch e orribili metallizzate di Calimero. Le voglio. Dove si prendevano? Chi lo sa mi scriva.



Anche per quest'anno è tutto!

The sad truth
Baci e abbracci dal magic team


09 marzo 2014

Buuuurds


Finally is out, so I can show some of the things I did at the end of 2013!









This is only a part of the game, there are more birds and scenarios in the actual game.

And today, I'm not writing that much, but there's a lot to come!

Ciaoooo!



05 marzo 2014

Not feeling like working sketch

Sometimes working only on work-related projects is hard. This morning I really really needed do sketch something with no meaning. 20 minutes only for me!


16 febbraio 2014

Epicondyliaaaaaaaaaa

…is the monster that hunts tennis players and spreads the disease commonly called "tennis elbow". 
Well, guess what tennis players, I'm now renaming this disease "drawer elbow", 'cause I don't want to explain every time that, no, I don't play tennis, but I draw. And, yes, it's a real job, it's very consuming and it can lead to diseases. 

All, this to say that I have been stuck with my personal work in the last 3 months because of the pain and I didn't even feel of updating the blog. I kept on working only on the studio's projects while doing physiotherapy and this is the result: 



This job is becoming harder and harder!

At the studio, I've been working very hard despite the pain and soon the new game I worked on before Christmas will be released, and I'll be able to show you some of the images.
Let's just say that there will be a lot of feathers and twitters and…you got it!
As I'm not posting since months, I'll add to this hints an old test I did for the studio, almost an year  ago. It's not my favorite things in the world, but it was the second time, I think, I was trying to color in a vectorial style and the result is definitely not brilliant, even if I still like his expression :D



I'll be back soon!
Baci e abbracci!

01 dicembre 2013

Meet Bonnie

I haven't been able to update the blog, but I have some health issue that is bothering me and because of this I'm very very in late in introducing you to…Bonnieeee!!!
Pepperepeppeppèèèè! (this is the sound of the trumpet in Italy)

                                        https://www.youtube.com/watch?v=iwz363y14zI

This is the trailer of the new game I worked on. Concept and half of the scene by me, the other half, editing and the choice of the (horrible, horrible) music by my super talented colleague Giacomo.

The game is called "Archaeologist-Ice age" and it's the sequel of "Archaeologist-Jurassic life" that featured Bonnie's husband. If you have children, you can download it here

Following some of the studies for the Bonnie that we choose. I'll post some other studies in the future, along with some of the dinosaurs! Uuuuuuhuuuuuh!


Alla prossima!

16 novembre 2013

Update to Drawtober-Inktober

I've been so busy lately that I haven't found the time to update the blog. In the next days I'll post a lot cause there are a lot of news.
October has been a very very tiring and busy month, so I haven't been able to attend the Inktober and Drawtober initiatives with regularity. Especially the second half of the month.

Here is what I've done

Inktober:



Drawtober:

                           

The main theme seems to be…chicks and aliens. I wonder if there's some reason (except the Drawtober specifications). 

Actually there's one more ink sketch, but  I don't find the file (when I'm so tired, I become also messy), so you can  see it on my Tumblr, that I'm still not using a lot. I don't care if Blogspot is not modern anymore and the new trend is Tumblr. I'm old. I like Blogspot. 

I'll be back very soon, soooo...
baci baci!




13 ottobre 2013

Inktober week 2


Questa settimana la salute non mi ha aiutato. Sono stata stanca e acciaccata (causa ripresa yoga) e soprattutto ho avuto mal di testa per tre giorni di seguito. I risultati si vedono, l'assenza completa di ispirazione è la cosa che più danneggia i disegni.
Ma io resisterò!!! Sìììì!!!!! Vedremo cosa succede la prossima settimana. Ho pensato anche a darmi qualche tema...ma quando si è sconcentrati non c'è molto da fare. 
(Il mac mi segna la parola "sconcentrati" come errore. Sono ignorante io o lui?)










 Per il primo disegno ho usato la penna magica (vedi post precedente) per gli altri una Stabilo OHPen e qualche penna-pennello o pantone nero.

Au revoir!!!

07 ottobre 2013

October...il mese in cui apparentemente devi fare qualcosa. Per forza.


Herzlich wilkommen!
Oggi non mi va di scrivere in inglese, quindi cari stranieri arrangiatevi. In ogni caso non è che abbia perle di saggezza da elargire a nessuno, quindi probabilmente sto solo salvando qualche malcapitato dai miei sproloqui.
Allora, questo mese ho fatto un sacco di cose bellissime e interessanti ed essendo un periodo un così positivo ho deciso di cominciare un'impresa che mi portasse via tempo e soprattutto che accentuasse in maniera decisiva il mio dolore al braccio.
Ci sono due iniziative in rete, Inktober e Drawtober. La prima consiste nel disegnare ogni giorno qualcosa con l'inchiostro. La seconda è promossa da Autodesk su Da e consiste nel disegnare con Sketchbook il tema del giorno. Per tutto il mese di ottobre. Non capisco perché oltreoceano pensano che a ottobre non si faccia niente...hey yankees, qui in Europa lavoriamo!! Ho pensato di provare a vedere se reggevo una settimana. Ce l'ho fatta, con gravi danni, ma ce l'ho fatta!
I risultati:

Inktober


                   





                            



E' risaputo che l'inchiostrazione non è il mio forte, sono una specie di unno del pennino, un hooligan del pennello di martora e soprattutto ho difficoltà a vedere in bianco e nero. Questa è stata una delle mille motivazioni per cui ho deciso di non avvicinarmi al fumetto bonelliano. 
Però però però, mi sono divertita un sacco. I primi 3 disegni sono fatti col pennarello-pennello (non so come si chiama), ce l'avevo lì, non lo usavo da anni e ho deciso di provare a usarlo così, in libertà. Niente disegno a matita sotto, niente premeditazione su cosa fare. Direi che si vede, quella tazza e in particolare il piattino sono una delle cose più brutte mai viste. Ma non importa, sono disegni fatti in meno di un minuto. La cosa che mi ero dimenticata è il rumore del pennarello sulla carta. Che meraviglia.
Gli altri due sono fatti con la mia fedelissima penna magica ( una pentel con cui chiunque disegna bene). E' il mio medium per il disegno preferito in assoluto. Erano mesi che non la usavo. Penna magica I love u!
Il nuovo piccolo, irrisorio, microscopico, insignificante problema è che, a forza di disegnare solo al computer, ho perso il senso della prospettiva (reale!) disegnando sul foglio e quindi questi due disegni mi sono venuti allungati e storti. Me ne sono accorta sono guardandoli sul monitor. E che sarà mai...un dettaglio!


Drawtober






In realtà qui non sono stata del tutto assidua, ho saltato la giornata di oggi e...venerdì credo... 
Avevo già disegnato con Sketchbook Pro in passato e devo dire che mi piace molto. La matita base è morbidosa e vengono sempre bei disegni. Peccato però che tutti gli altri tools non abbiano la sensibilità alla pressione della penna, quindi è impossibile inchiostrare decentemente (che nel mio caso è cmq un livello scarsissimo come abbiamo già appurato) e anche colorare, essendo abituati a Photoshop...è come regredire nel passato. 
Proprio per questo probabilmente non continuerò questo contest tutti tutti i giorni. Dopo 8 ore di lavoro, non mi va di impiccarmi con un programma che ha così tante limitazioni.
Voglio invece continuare Inktober sia per riacquistare la capacità di disegnare a mano sia per divertirmi un po' con penne, pennarelli e pennini.

Ah, le cose di Drawtober le sto postando su Da, mentre quelle di Inktober su Tumblr per tutta la faccenda dei tag. Questa questione dei siti internet sta sfiorando il ridicolo, non riesco nemmeno a starci dietro. Tumblr, poi, non lo capisco proprio! Per non farmi mancare niente ho aperto anche Behance, dove non ho avuto tempo di mettere praticamente niente. Alla fine a me piace questo blog...anche se blogspot non va più di moda...sono vecchia nell'animo? Beh, almeno non ho Twitter. Siete salvi!

Au revoir!!!